Vocabolario Dantesco

Accademia della Crusca - CNR Opera del Vocabolario Italiano

Vocabolario Dantesco

www.vocabolariodantesco.it

concorde agg.
Frequenza:
Commedia 3 (3 Par.).
Lista forme e index locorum:
Commedia concorde Par. 15.9 (:), 26.47 (:); concordi Par. 13.31.
Corrispondenze: Testi italiani antichi:
Corpus OVI,
DiVo,
LirIO,
Prosa fior. sec. XIII,
Petrarca e Boccaccio.
Vocabolari: TLIO, Crusca in rete, ED.
Nota:Latinismo da concors (DELI 2 s.v. concorde) att. prima di Dante solo nel volgarizzamento del Tesoro (cfr. TLIO s.v. concorde) come traducente di concordanz (B. Latini, Tresor, p. 550). La ricerca sul Corpus ClaVo  non offre altre att. del latinismo: cfr. per es. «concordissimis fratribus» reso con «li suoi cari fratelli» nel volgarizzamento brunettiano della Pro Ligario, 5. La forma femm. plur. concorde ricorre entrambe le volte in rima; in Par. 15.9, è rima ricca inclusiva con corde del v. 5. D’altra parte, il sost. corda è implicato, al pari di cuore, nell’etimo dei derivati di concordia (vd. Ernout, Philologica, vol. 2, pp. 179-184). Nelle opere latine, concors è att. in Ep. 6.12 e in Mon. 1.15.6.
1 In accordo e in armonia con gli altri.
[1] Par. 13.31: Ruppe il silenzio ne' concordi numi / poscia la luce in che mirabil vita / del poverel di Dio narrata fumi...
[2] Par. 15.9: Come saranno a' giusti preghi sorde / quelle sustanze che, per darmi voglia / ch'io le pregassi, a tacer fur concorde
1.1 [Con rif. a un pensiero:] che porta alle stesse conclusioni.
[1] Par. 26.47:  E io udi': «Per intelletto umano / e per autoritadi a lui concorde / d'i tuoi amori a Dio guarda il sovrano. 


Autore: Fiammetta Papi 23.12.2016 (ultima revisione: 10.05.2018).